Ti sei mai chiesto come mangiare le alghe e qual’è il loro potenziale benefico? Un cibo ricco di nutrienti e vitamine, il cui successo è in continua ascesa. Scopri con noi tutto quello che devi sapere sulle alghe marine, vegetali dalle virtù insospettate. 

Vuoi provare a cucinare le alghe a casa ma non sai da dove cominciare? Con la nostra guida all’acquisto scoprirai subito quali sono le alghe che fanno a caso tuo, e come comprarle online risparmiando. Partiamo alla scoperta del mondo sottomarino delle alghe. 

alghe marine

Diversi tipi di alghe

Quali sono le alghe che si trovano più spesso in Italia e in Europa? Secondo l’Unione Europea (regolamento 2015/2283) esistono 24 tipi di alghe, divise in 4 varianti principali

  • Alghe brune
  • Alghe rosse
  • Alghe verdi
  • Microalghe

A livello italiano ci sono alcune specie più utilizzate di altre. Si tratta di quelle che troviamo per esempio nella zuppa miso e nel sushi. Vediamo quali sono:

  • Kombu
  • Wakamè
  • Nori
  • Dulse
  • Lattuga di mare
  • Fagiolino di mare

La produzione di questi vegetali in Europa è riservata principalmente ai paesi del nord. I maggiori produttori infatti sono Irlanda, Francia, Norvegia. 

Le alghe marine: quali comprare? 

alghe marine esiccate

Ci sono tanti tipi di alghe disponibili sul mercato. Si trovano più facilmente nei supermercati bio o in quelli di specialità orientali. Vista la continua crescita della domanda e la loro diffusione capillare, ci aspettiamo che arrivino presto anche nei supermercati tradizionali.

Nel frattempo consigliamo di comprare le alghe online, in negozi come sorgentenatura.it o amazon.it. Qui si trovano alghe biologiche di altissima qualità, un’ampia scelta di prodotti da provare in cucina. 

Alghe Wakame

alghe wakame

Si tratta di alga bruna tendente al giallo. Sono le specie più comuni in Giappone. In Europa vengono coltivate soprattutto in Bretagna, nel nord della Francia. Questo tipo di alga è apprezzato per il suo gusto particolare e per la sua consistenza, piuttosto tenera e carnosa. 

Le Wakame sono molto famose perchè si utilizzano in alcuni tipi di sushi e soprattutto per fare la zuppa miso.  Di solito si mangiano crude in insalate e contorni, o cotte in zuppe calde e brodi. 

LEGGI ANCHE: VERDURE DI STAGIONE: LA LISTA

Le wakame sono una specie di alga apprezzata anche molto perchè contengono moltissimi minerali, soprattutto magnesio e potassio. 

Alghe Rosse

alghe rosse

Tra le alghe rosse, quelle più comuni sono le dulse. Si tratta di una specie consumata prevalentemente in paesi bagnati dall’Atlantico. Tra questi Canada, Irlanda, Francia e Norvegia ne sono i massimi produttori e consumatori. 

Questo tipo di alga è rossa chiara quando nasce e il colore si scurisce con il passare del tempo. Il gusto è dolce e leggermente iodato. Si usa prevalentemente come verdura cruda o in forma di chips. Il suo gusto gradevole gli permette anche di essere un ottimo ingrediente per omelette, quiches e zuppe. 

Stiamo parlando del cibo del futuro, tutte le verdure marine infatti sono ricche di componenti nutritive e minerali. Le dulse sono le meno ricche in iodio (i cui livelli sono comunque importanti!) ma è le più ricche in manganese e vitamina B9.

Alghe verdi o spaghetti di mare

alghe verdi spaghetti di mare

Queste alghe verdi sono anche dette fagiolini di mare. Si tratta di una varietà di alga verde presente nell’Atlantico, dal colore verde o verde oliva. Può raggiungere fino ai 10 metri di lunghezza. Spesso viene anche commercializzata con il nome di spaghetti di mare. 

Questa specie prelibata viene utilizzata cruda in insalate o come accompagnamento per pesce e carne. Si possono anche cuocere in padella.

Come per gli altri tipi di alga, gli spaghetti di mare sono ricchi in sali minerali, vitamine e sostanze nutritive. Perfette per fare il pieno di iodio e manganese!

Alghe Giapponesi

alghe giapponesi

Le alghe giapponesi Hijiki sono molto rinomate per il loro gusto particolare e per la loro ricchezza in minerali e sostanze preziose per l’organismo. Coltivate e raccolte nelle coste meridionali dell’arcipelago Giapponese, questa variante è molto rinomata sia in Giappone che nel resto del mondo. 

Per mangiare questa verdura bisogna prima di tutto metterla a bagno, aumenteranno il loro volume di circa il 5%. Queste alghe giapponesi hanno un sapore molto deciso, che può renderle poco simpatiche a chi le prova per la prima volta. Per addolcirle si possono cucinare in padella insieme a delle cipolle, con un misto di verdure o unite a brodi e zuppe. 

Alghe Nori

alghe nori

Le nori sono delle alghe rosse molto utilizzate er preparare il sushi, maki e zuppe dal sapore orientale. 

A livello di sostanze nutritive, le nori riservano delle belle sorprese. Si tratta infatti di un’alga molto ricca in ferro, ma soprattutto in vitamina B12, una vitamina quasi inesistente nel mondo vegetale (vegetariani e vegani aprite le orecchie!)

Tutti i benefici delle alghe

Le alghe marine sono molto ricche in sale, ma anche in minerali e oligoelementi. Tra questi magnesio, potassio, fosforo, iodio, calcio e ferro.

Tutte queste fantastiche proprietà derivano dalla composizione dell’acqua marina, dove nascono e crescono. Questi vegetali infatti vivono in maniera permanente nell’acqua, di cui si nutrono e in cui si rinforzano in modo naturale, guadagnando grandi quantità di minerali. 

Queste piante contengono anche moltissime vitamine, si tratta di una vera e propria verdura del mare, che in anni a venire sarà sempre più utilizzata per far fronte ai bisogni nutritivi di una popolazione mondiale sempre crescente. Tra le vitamine contenute nelle alghe ce ne sono alcune difficili da reperire tra i vegetali ‘terrestri’. Tra queste la vitamina B12, ma anche betacarotene, vitamina C, vitamina B9 e vitamina k1

Breve storia delle alghe

alghe rosse

Le alghe sono una pianta molto antica, come testimoniano alcuni fossili ritrovati nel sud della Cina. Gli scienziati hanno stimato tali fossili da 20 a 56 milioni di anni fa, confermando che queste piante sono presenti sulla terra fin dalla notte dei tempi. 

In Asia queste piante marine sono utilizzate da moltissimi anni. La situazione in Europa è molto diversa, cucine tradizionali come quella italiana e francese infatti non hanno trovato un posto per queste piante. Probabilmente a causa dell’aspetto poco invitante o del loro sapore deciso.

Come accennato però, in Asia le alghe sono un prodotto della vita di tutti i giorni, soprattutto in Giappone. I giapponesi sono riconosciuti per il loro stile di vita semplice e a contatto con la natura, e per l’utilizzo dei prodotti disponibili sul proprio territorio. Il paese è un arcipelago e il continuo contatto con il mare spiega l’entusiasmo dei suoi abitanti per le ‘verdure marine’. 

Altri ritrovamenti storici che riguardano il consumo delle verdure di mare sono state ritrovate in Cile. Si pensa che qui le popolazioni indigene abbiano utilizzato l’alga per più di 20 mila anni, sia come cibo che come medicinale. 

Elena Mattei

Elena è laureata in Scienze della Comunicazione e dal 2011 scrive per numerosi blog e magazine. La sua missione è diffondere informazioni su uno stile di vita alternativo, ma possibile. Una vita più a contatto con la natura, nel rispetto del pianeta.