L’alloro (laurel in inglese e laurier in francese) è una pianta officinale e aromatica, il cui nome botanico è laurus nobilis. Molto diffusa nel nostro paese, la pianta di alloro cresce in modo spontaneo nel Centro e Sud Italia, mente al Nord viene coltivata.

Pianta di alloro

Usato in cucina come aroma per carne e pesce, questa pianta formidabile ha delle grandi proprietà benefiche. Bevuto in decotti e tisane, o usato per bagni e pediluvi, l’alloro è formidabile per la digestione, come stimolante e come antisettico in caso di tosse o raffreddore.

La pianta di alloro

Il laurus nobilis, detto comunemente Alloro, è una pianta molto antica, un sempreverde molto diffuso in tutta Italia. Si tratta di una specie arborea e cespugliosa, delle Dicotiledoni, appartenente alla famiglia delle laureacee. L’alloro è considerato un arbusto a causa delle frequenti potature, ma allo stato selvatico diventa un vero e proprio albero. Alto fino a 10 metri, presenta dei rami fini e una folta chioma

alloro pianta

Il legno nerastro è aromatico, la corteccia è nera e liscia e le foglie sono di un verde scuro e lucido. La pianta di alloro fiorisce in primavera con fiori gialli molto piccoli e produce delle bacche dal caratteristico odore aromatico.

La pianta di alloro ha diversi usi. Le foglie sempreverdi formano una rete molto fitta, per questo la pianta di alloro viene spesso utilizzata anche in siepi e in giardini all’italiana o alla francese. Questa pianta dall’aroma caratteristico si diffonde per seme o per talea, e spesso cresce in modo spontaneo nelle zone costiere e meridionali dell’Italia, facendo parte dell’ecosistema macchia mediterranea.

La raccolta delle foglie di alloro è un business molto proficuo in Italia, dove la pianta è coltivata in abbondanza. Le foglia è esportata e venduta come prodotto aromatico da cucina. Il alternativa le foglie e il legno sono lavorati ed utilizzati come ingredienti per medicinali, aromi e saponi.

Alloro tossico, una falsa credenza

In molti credono che questa pianta sia velenosa o tossica se utilizzata nel modo sbagliato. La verità è che spesso il laurus nobilis viene confuso con una piata dall’aspetto molto simile, il lauceraso. Quest’ultima pianta, prunus laurocerasus, è una pianta dall’aspetto molto simile a quello dell’alloro, essendo un arbusto con foglie verde scuro con forma simile a quella del lauro.

Questa pianta è a tutti gli effetti velenosa, e se ingerita può avere degli effetti tossici sull’organismo. Le foglie infatti contengono acido cianidrico, una sostanza che se distillata in modo industriale può essere addirittura letale. Niente paura però. La pianta cresce solo il alcune regioni d’Italia e può essere identificata dai fiori bianchi invece che gialli e dalle voglie verdi chiaro quando sono giovani. Impossibile da trovare in commercio o da piantare nel proprio giardino senza volerlo.

Niente paura quindi, l’alloro è una pianta aromatica e benefica, che non ha alcuna potenzialità tossica. Anche in termini di controindicazioni, non ce ne sono molte da segnalare. In soggetti predisposti la pianta può portare a dermatiti da contatto, ma non ci sono altri effetti collaterali conosciuti.

Significato dell’alloro

L’alloro è una pianta il cui significato è molto chiaro. Le foglie di lauro stanno a simboleggiare gloria, sapienza e potere.

Questa pianta molto diffusa in tutta la penisola italiana ha dei significati molto forti. Il lauro infatti è una pianta conosciuta e apprezzata fin dall’antichità, si sa per certo che gli antichi greci ne facessero uso, e che la pianta facesse parte di uno dei miti più suggestivi tra quelli che riguardano gli dei dell’olimpo, il mito di Apollo e Dafne (continua a leggere per saperne di più).

Fin dagli splendori di Atene e per tutta l’era dell’Impero Romano l’alloro fu una pianta con cui si incoronavano i grandi atleti, poeti laureati e personalità di riguardo. L’imperatore romano e tutti i nobili del tempo dovevano indossarne una corona durante le parate militari e le feste religiose.

La tradizione della corona di alloro arriva fino ad oggi, infatti è usanza regalarne una agli studenti che completano il corso di laurea. La corona di alloro simboleggia la gloria della riuscita e la saggezza e conoscienza raggiunti grazie agli studi.

Alloro Proprietà

Il lauro è una pianta riconosciuta fin dall’antichità per le sue proprietà benefiche.

Ecco tute le proprietà di questa pianta simbolo di gloria e sapienza.

  • Digestivo naturale: nelle foglie e soprattutto nelle bacche sono contenuti degli oli essenziali che favoriscono la digestione e il giusto funzionamento dell’apparato gastro intestinale. Alcuni componenti dell’olio sono proprio il geraniolo, cineolo, fellandrene ed eucaliptolo, conosciuti ed utilizzati in erboristeria e medicina naturale per le loro capacità di stimolare l’appetito e di regolare la digestione. Per questo la pianta viene usata per calmare dolori di stomaco, coliche e per curare l’aerofagia.
  • Antiossidante naturale: le foglie freche sono un antiossidante naturale. Sono una fonte di vitamina C, fondamentale nella lotta ai radicali liberi. Una vitamina importantissima per tantissimi motivi, e che aiuta a rimanere giovani e vitali. In più la vitamina C è uno stimolante del sistema immunitario e aiuta nella guarigione.
  • Repellente degli insetti: le foglie di alloro contengono acido lauratico, una sostanza che tiene alla larga gli insetti (anche le zanzare) in modo naturale.
  • Espettorante e antisettico: le foglie e le bacche aiutano l’organismo a liberarsi del catarro in eccesso e combattere la tosse. Molto spesso l’alloro viene consigliato come metodo naturale in caso di febbre, raffreddore e catarro.
  • Astringente ed emostatico naturale: dalla pianta di lauro si può ricavare l’olio laurinato, che applicato a ematomi e traumi di varia natura aiuta il corpo a reagire e a recuperare.
  • Regolatore della glicemia naturale: grazie alle sue proprietà e ai minerali contenuti in foglie e bacche, l’alloro può aiutare a regolare la glicemia e a migliorare la sensibilità all’insulina.

I Benefici

Come abbiamo visto sono davvero tante le proprietà di questa pianta formidabile. Dalla tosse alle zanzare, l’alloro offre una serie di benefici da non sottovalutare. Per godersi tutte le poprietà benefiche della pianta di alloro consigliamo di assumerla con tisane e decotti (seguono le indicazioni per prepararli a casa) oppure utilizzando l’olio laurinato, o olio di alloro.

In caso si tosse, raffreddore, influenza ed ematomi, questa pianta è un ottimo rimedio naturale. Non a caso la pianta è conosciuta fin dagli antichi greci, che ne fecero largo uso. Usato come digestivo, come rimedio per la pelle e per l’acne, come regolatore naturale del ciclo mestruale, per l’aerofagia. L’alloro è molto utilizzato anche per combattere dolori muscolari e alle articolazioni, grazie alle sue proprietà lenitive.

I benefici dell’alloro sono molteplici, le bacche e le foglie di questa pianta antica è ricca di minerali, vitamine e proprietà guaritive. Per questo è molto utilizzata in erboristeria e nella medicina naturale.

Come usare l’alloro

Come abbiamo visto, questa pianta ha delle ottime proprietà benefiche. Si tratta di una pianta che ha molto da offrire a chi soffre di otsse o raffreddore, problemi digestivi ed intestinali, influenza o ematomi. In più il lauro è anche una pianta stimolante, ricca di vitamina C che aiuta a combattere i radicali liberi.

Di fronte a questa ricchezza di proprietà benefiche, vediamo come utilizzare la pianta di alloro a casa, ingerendola grazie a decotti, tisane e infusi. Ma anche olio, sapone e come pianta aromatica per la cucina.

Liquore di alloro

Il liquore di alloro è una specialità Pugliese, che si può gustare dopo pasto come digestivo. Si tratta di un liquore dal gusto eccezionale, apprezzato al meglio in una serata d’estate dopo aver cenato con dei fantastici cibi caratteristici del tacco d’Italia. Il liquore di alloro è tipico di questa regione perchè la pianta di lauro cresce in questo territorio in modo spontaneo. Ecco che gli abitanti di questa magnifica regione hanno sviluppato questa bevanda tradizionale, con una ricetta che si tramanda di generazione in generazione.

Per preparare questo digestivo in casa  servono pochi ingredienti:

  • Foglie di alloro: circa 30
  • Acqua: 500 ml
  • Alcol puro: 500 ml
  • Zucchero: 200 g

La preparazione prevede dei passaggi molto semplici:

  • Prendi le foglie di alloro e lasciale in infusione nell’alcol puro per circa 5 giorni. Ideale una bottiglia di vetro con chiusura ermetica, o anche un contenitore per cibi.
  • Filtrare l’infuso con un passino a rete molto fina, per evitare che rimangano delle parti di foglia nel liquore.
  • Versare il liquido in un recipiente abbasyanza capiente e aggiungere mezzo litro d’acqua e 200 grammi di zucchero.
  • Lasciare riposare per almeno tre settimane in un luogo secco e asciutto, possibilmente non esposto al sole.
  • Filtrare nuovamente il liquido
  • Con l’aiuto di un imbuto versare tutto il liquido in una bottiglia di vetro con chiusura ermetica e lasciare riposare ancora un mese.
  • Gustare dopo cena!

Come abbiamo visto, fare il liquore di alloro fatto in casa è molto facile, quello che serve è la pazienza. Consigliamo a tutti di provare a fare questo digestivo e di gustarlo dopo cena per avere tanto gusto e godere delle proprietà digestive di questa pianta formidabile.

Infuso di alloro

Come abbiamo visto, l’alloro ha delle proprietà curative molto forti, si tratta di una pianta dai mille usi. Bere l’alloro in un infuso è uno dei modi più facili per assorbirne i minerali e gli oli essenziali. Per godersi al meglio questa bevanda e trarne il massimo dei benefici, è consigliato berla la mattina presto o la sera prima di dormire. Per migliorare il gusto delle semplici foglie di alloro si può aggiunger e un po’ di miele o una scorza di limone alla tisana fatta in casa.

Ingredienti per preparare la tisana di alloro:

  • 40g di foglie di alloro esiccate
  • 1l di acqua
  • scorza di limone (facoltativa)
  • miele o dolcificante naturale (facoltativo)

Per preparare l’infuso, comincia portando a ebollizione l’acqua in un pentolino. Poi versa dentro l’acqua bollente le foglie di lauro e la scorza di limone se hai deciso di utilizzarla. Ora lascia raffreddare e poi gusta la bevanda tiepida o fredda. Se vuoi addolcire il gusto del tuo infuso puoi aggiungere un po’ di miele biologico o un dolcificante naturale.

Olio di Alloro per la cucina

L’olio aromatizzato con foglie e bacche di lauro è una vera prelibatezza. Può essere usato in cucina per condire carni e pesci, godendosi il gusto di questa pianta aromatica e approfittando delle sue proprietà benefiche allo stesso tempo. Fare questo olio fatto in casa è molto facile, serve solo un po’ di pazienza. Per questo consigliamo vivamente a tutti gli amanti della cucina di averne una piccola bottiglia in casa in tutte le stagioni.

Ingredienti:

  • 250 ml di olio extravergine di oliva
  • foglie fresche di alloro

Preparazione:

  • Preparare questo olio in casa è davvero molto semplice. Inizia sterilizzando un recipiente per l’olio. È meglio fare questo olio in un recipiente di vetro scuro, perchè la luce e il calore ne potrebbero rovinare il gusto.
  • Disponi le foglie di alloro sul fondo del recipiente o infilale nella bottiglia. Si consigliano 5 foglie di alloro, o di più se si vuole aumentare l’aroma dell’olio. Se si vuole ottenere un condimento ancora più intenso si possono macerare le foglie di alloro e metterle nel recipiente a pezzettini. Questo aiuta gli aromi e gli oli essenziali contenuti nelle foglie a liberarsi con più facilità.
  • Lascia riposare l’olio per due o tre settimane, assicurandoti di girare il contenuto del tuo recipiente di tanto in tanto. Le foglie si macereranno nell’olio di oliva, creando un aroma molto distinto, perfetto per condire carni e pesci.

Ora è il momento di gustare il tuo olio di alloro fatto in casa. Una vera delizia che diventerà un elemento essenziale della tua cucina. Oltre ad essere buono, questo olio è anche ricco di proprietà benefiche. Come si dice, due piccioni con una fava.

Olio Essenziale di Alloro

Questa pianta, con poteri quasi magici, ha tantissime proprietà e benefici per l’organismo. Si tratta di una pianta molto forte e diffusa e la sua facile reperibilità la rende ancora più speciale, perchè per ottenere tutti i benefici di questa pianta fenomenale basta uscire in giardino e raccoglierne qualche foglia.

Se non si volesse fare l’olio in casa, si può anche optare per comprarlo su Amazon ad un costo ridotto, e farselo spedire a casa nel giro di uno o tre giorni lavorativi. L’olio comprato da erboristerie selezionate, a differenza di quello fatto in casa, ha la garanzia di essere puro al 100%.

In ogni caso, farle l’olio essenziale di alloro fatto in casa è piuttosto semplice e il suo utilizzo è molto ampio. Si può usare nella vasca da bagno, diluendo qualche goccia per rilassare i muscoli e guarire articolazioni che danno fastidio. Si può usarlo in pediluvi, godendo degli oli essenziali ed aromatici della pianta. In caso di raffreddori o tosse, si può utilizzare l’olio essenziale di alloro per sbloccare le vie aeree, grazie alle sue note proprietà espettoranti. Questa pianta dai mille usi serve a tantissimo, e averne l’olio essenziale sempre in casa è un ottimo rimedio naturale.

Per prepare l’olio di alloro in casa, sterilizza una bottiglietta in vetro con chiusura ermetica. Poi versaci 25 grammi di foglie fresche macerate e 20o ml di olio di mandorle. Lascia riposare per un minimo di 40 giorni e l’olio è pronto per essere utilizzato.

Apollo e la Corona di Alloro

La simbologia che riguarda la pianta d’alloro ha origine nella mitologia greca. La pianta di alloro fa parte del mito di Apollo e Dafne, una storia d’amore infelice. Per vendicarsi del dio Apollo, Cupido scoccò due freccie. La prima fece innamorare Apollo perdutamente della ninfa Dafne. La ninfa, al contrario, fu colpita da una freccia che faceva prosciugare l’amore e appena vide il dio del sole fuggí spaventata. Per non farsi raggiungere dal dio Apollo, Dafne rivolse una preghiera la padre, il dio-fiume Peneo, di essere trasformata in una pianta di alloro. Ecco che prima che Apollo la potesse raggiungere, la bellissima ninfa fu trasformata nella pianta di lauro.

Da quel momento l’albero di alloro diventò sacro al dio Apollo, che lo piantò nel suo giardino e giurò di indossarne sempre una corona. Da quel momento la pianta diventò un simbolo di gloria, la corona d’alloro era indossata durante le cerimonie ufficiali e le parate, simbolo di gloria e onore.

La corona di alloro è un simbolo molto antico di conoscenza e potere. Questa usanza arriva fin dal tempo degli antichi greci, che consideravano l’alloro una pianta sacra, simbolo di conoscenza e di gloria. Per questo motivo i poeti premiati dal governo portavano una corona di alloro a simboleggiare la loro sapienza, diventando dei ‘poeti laureati’. Anche durante i giochi Pitici, i precursori dei giochi Olimpici, si premiavano gli atleti vincitori con una corona di alloro, simbolo di gloria e potere. Ancora oggi la corona di foglie di alloro è indossata dai neolaureati italiani alla fine del loro percorso di studi per celebrare il diploma di laurea.

Chiudi il menu