Camminare, hiking e trakking sono uno sport molto diffuso tra gli italiani di tutte le età. I benefici per il corpo e per la mente, quando si cammina all’aria aperta sono stati provati scientificamente. Camminare nei parchi cittadini, in collina o in montagna è uno dei modi migliori per riconnettersi con la natura e per aumentare la propria sensibilità verso l’ambiente che ci circonda in modo ecosostenibile. 

camminare montagna
Camminare in montagna

Camminare in città o in montagna ha anche degli effetti benefici per il corpo, aiuta a perdere calorie e a mantenersi in forma. Si tratta di uno sport sostenibile, che può essere praticato ovunque e che aumenta la propria sensibilità verso la natura. Una camminata in città, in collina o in montagna comporta dei livelli di sforzo diversi, e porta a risultati diversi in termini di risultati per la salute. Ma camminare è un’attività dedicata davvero a tutti, vediamone le caratteristiche e le possibilità.

Camminare, benefici

Una camminata di almeno 20 minuti tutti i giorni comporta dei grandi benefici per l’organismo. Secondo gli esperti si tratta del minimo necessario al nostro corpo per mantenere il corpo sano e attivo. Trattandosi di un esercizio molto semplice e alla portata anche di chi è poco allenato, è per questo è vivamente consigliato da medici ed esperti. Ma vediamo nel dettaglio quali sono i benefici di questa disciplina. 

  • Pensiero e creatività: molti grandi filosofi ed intellettuali, come Aristotele, Dikens o Thoreau davano estrema importanza alle loro passeggiate nella natura per stimolare pensiero e creatività. Un’attività essenziale per la loro attività artistica di creatori. 
  • Benefici per il cervello: una ricerca americana ha provato che gli anziani che riescono a camminare più lontano in 6 minuti, hanno anche i risultati migliori nei test cognitivi e di memoria. Camminare aiuta a mantenere il corpo sano, comprese funzione cognitive, memoria e sistema nervoso. 
  • Rimanere in forma facilmente: uno stile di vita sedentario è molto comune al giorno d’oggi e una camminata di soli 20-30 minuti a passo svelto permette all’organismo di eliminare i rischi legati alla vita da ufficio o ad uno stile di vita sedentario 
  • Dimagrire: per chi è poco allenato, camminare è un punto di partenza perfetto per cominciare a dimagrire. L’esercizio fisico è essenziale per la perdita di peso e ne bastano 30 minuti al giorno per ottenere ottimi risultati. 
  • Aumentare le difese immunitarie: fare ogni giorno una bella passeggiata aumenta le difese immunitarie. La costanza di un’attività fisica anche leggera stimola il corpo e la salute, diminuendo il rischio di malattie. 
  • Meno stress: il tempo passato all’aria aperta durante una passeggiata è importante anche per abbassare i livelli di stress. Per risultati ottimali è meglio immergersi nella natura, sia questa un parco in città, una spiaggia o la montagna. 

Camminare per dimagrire

Camminare fa dimagrire? Dipende. L’esercizio fisico è essenziale per dimagrire in modo sano e duraturo, e la camminata è un’attività alla portata di tutti, gratuita e senza impatti negativi sull’ambiente. Camminare è un’ottima attività per cominciare a risvegliare il proprio corpo, evitare la sedentarietà e perdere peso. In più la camminata è un’attività a basso rischio e non comporta movimenti bruschi o possibili cadute. Per questo è uno sport che si adatta anche a chi è in forte sovrappeso.

LEGGI ANCHE: Come scegliere le migliori scarpe per camminare

camminare per dimagrire
Camminare per dimagrire

Quanto camminare per dimagrire? Anche in questo caso dipende dal proprio livello di attività fisica, cioè da quanto siamo abituati a muoverci. Dipende anche dal nostro livello di massa grassa. Le persone che soffrono di obesità avranno dei benefici immediati in termini di perdita di peso. Chi invece è molto allenato ed è in normopeso, può usare la camminata veloce per mantenere la forma fisica.

In generale gli esperti consigliano una camminata di circa 30/40 minuti per un minimo di 3 volte alla settimana (meglio se tutti i giorni). Se si cominciano ad integrare delle salite nel proprio percorso il dispendio calorico aumenta fino al 40%, per questo è molto consigliato fare delle escursioni in montagna. In più essere a contatto con la natura e passare del tempo all’aria aperta aumenta il livello di endorfine, diminuisce i livelli di stress e permette di mantenersi più motivati.

Si calcola che una persona di peso medio (circa 60 kg) può bruciare circa 300 calorie in un’ora di camminata. I risultati variano molto in base al tipo di terreno dove si cammina, la sua pendenza, la velocità a cui si procede e il proprio livello di fitness. In generale la camminata è un ottimo modo di perdere peso e mantenersi in forma, a prescindere da tutte queste variabili.

Camminare insieme

La camminata è un’attività fisica leggera, l’ideale per stare in compagnia e socializzare. Camminare nella natura è il momento ideale per ritrovare la sintonia con il proprio partner o per condividere una parte della propria giornata con un gruppo di amici. Anche i semplici spostamenti a piedi in città ( anche solo per andare in posta o fare la spesa) diventano un momento di socialità, permettendo di incontrare sulla strada amici e conoscenti.

camminare insieme
*

Solitudine e sedentarietà sono dei noti nemici della salute, la camminata sembra una soluzione ad entrambi i problemi. Riunirsi con amici e conoscenti per una passeggiata nella natura è un ottimo modo per aumentare il benessere generale dell’organismo. In più è un’attività del tutto gratuita, che permette di rimettersi in contatto con la natura e l’ambiente.

Camminare in gruppo stimola l’attività fisica e celebrale, permettendo di tenere sotto controllo il grasso corporeo, la pressione e il colesterolo. Dei benefici molto importanti che rendono questa attività sociale ancora più benefica. 

Hiking

Camminare in montagna (o hiking in inglese) è uno dei modi migliori di tenersi in forma, godersi paesaggi mozzafiato, riconnettersi con la natura e il proprio corpo. 

Hiking significa camminare, gli anglosassoni usano questo termine per riferirsi ad escursioni in montagna, o in generale all’aria aperta. 

Camminare in montagna o fare escursioni ad alta quota è davvero salutare. I benefici sono davvero tanti. Oltre a perdere peso (in salita si bruciano il 40% in più di calorie) salire in alta quota permette di staccare dalla vita in città, respirando aria fresca e pulita. Vediamo alcune delle regole per fare hiking in tutta sicurezza: 

  • Scarpe: niente può scoraggiare di più nell’affrontare una salita o un terreno accidentato che un paio di scarpe sbagliato. Prima di partire assicurati di aver scelto un modello di scarpe comode e robuste che possano sostenere la fatica dell’escursione. 
  • Seguire il sentiero: per rispettare al massimo la natura è bene seguire sempre i sentieri già tracciati. In questo modo si possono lasciare tranquilli boschi ed ambienti naturali, e ammirarli nel loro massimo splendore. Questa regola permette anche di arrivare a destinazione sani e salvi. 
  • Acqua: quando si fanno escursioni in estate, ma anche negli altri periodi dell’anno, è fondamentale portare con se abbastanza acqua per essere sempre idratati. Per un’escursione di 2-3 ore è opportuno averne almeno due litri a testa. 
  • Compagnia: come abbiamo spiegato sopra, camminare in compagnia ha dei grandi vantaggi e comporta anche dei benefici per la salute. Fare escursioni in solitaria invece è sconsigliato. Perchè camminare in montagna o su terreni accidentati può facilmente comportare cadute o piccoli indicenti. Anche solo slogarsi una caviglia può diventare un grande problema se si è soli in una zona remota. 

Trekking

Qual’è la differenza tra hiking e trekking? Entrambe le parole in inglese significano camminare o fare escursioni. La differenza è che hiking si riferisce ad una scampagnata o ad una camminata di un giorno. Mentre si parla di trekking quando l’escursione prevede la nottata fuori. In tenda o in rifugio, il trekking è quell’attività che prevede spendere una o più notti fuori, immersi nella natura. 

Per questo tipo di attività è importante essere preparati, sia fisicamente che in termini di attrezzatura. Fare trekking significa portare zaini più grandi, con sacchi a pelo, materassini, acqua e cibo. Per questo è importante in questo contesto essere in compagnia di qualcuno esperto, che possa consigliare e guidare il resto del gruppo. 

Nordic walking

Il nordic walking è un altro tipo di camminata in montagna, che si pratica con bastoncini simili a quello dello sci di fondo. Si tratta di una disciplina sportiva nata nel 1997, in seguito alla pubblicazione del libro Sauvakävely di Marko Kantaneva. Il libro descrive il nordic walking rispetto ad altre discipline simili, come per esempio l’allenamento in estate per lo sci di fondo. 

nordic walking
*

Una delle componenti fondamentali di questo sport sono proprio i bastoncini, che sono disegnati in modo specifico per questa disciplina. Il nordic walking si differenzia dal normale escursionismo proprio perchè coinvolge anche la parte superiore del corpo. Le racchette e l’applicazione di forza sulle stesse ad ogni passo, forza la parte superiore del corpo a lavorare insieme a quella inferiore. I muscoli di torace, braccia e schiena si attivano, per un dispendio energetico fino al 40% maggiore rispetto alla camminata normale. 

La tecnica del nordic walking prevede proprio l’uso di racchette, che vengono utilizzate ad ogni passo. L’applicazione di forza sulla racchetta, ed il supporto che questa offre al copro durante la camminata ha diversi vantaggi. Il primo è quello di offrire un esercizio più completo, che coinvolge anche gli arti superiori, la schiena e i muscoli del torace. In più questo tipo di camminata alleggerisce lo sforzo su anche e ginocchia, distribuendolo in modo più uniforme sul resto del corpo. In questo modo, anche chi ha problemi alle articolazioni può permettersi di fare camminate più lunghe. 

Per i suoi tanti benefici il nordic walking sta avendo un grande successo in Italia, dove si può praticare come sport di gruppo. Per farlo basta iscriversi ad uno dei tanti club della camminata nordica, o unirsi ad un gruppo di amici che già pratica questo sport. 

Chiudi il menu